Flavio Tosi

Le persone possono dubitare di ciò che dici ma crederanno a ciò che fai

Lewis Cass

Flavio Tosi nasce il 18 giugno 1969 a Verona. Dopo il diploma al Liceo Ginnasio Statale “Scipione Maffei” esercita la professione di tecnico informatico. Nel ‘94, a soli 25 anni, viene eletto Consigliere comunale a Verona. Militante della Lega Nord, Tosi assume cariche sempre più importanti nel partito. Dal ‘97 al 2003 ricopre il ruolo di Segretario Provinciale della Lega Nord–Liga Veneta, nel 2008 ne diventa Presidente e da giugno 2012 assume l’incarico di Segretario Nazionale.

Nell’aprile del 2000 Tosi viene eletto Consigliere Regionale del Veneto e ricopre l’incarico di capogruppo della Liga Veneta fino al 2002. Viene poi rieletto alle elezioni del 2005 ottenendo il record assoluto di preferenze fra tutti i candidati: ben 28 mila. Diventa così Assessore Regionale alla Sanità, ruolo che riveste fino al 2007, quando si dimette per assumere quello di Sindaco di Verona, eletto con quasi il 61% delle preferenze. A maggio 2012 i veronesi dimostrano il proprio gradimento per il lavoro svolto e lo rileggono per il secondo mandato, col 57% dei voti. Il 6 ottobre 2013, dal Palabam di Mantova, Tosi lancia la Fondazione “Ricostruiamo il Paese”: l’obiettivo è quello di organizzare le primarie nazionali di centrodestra e di sostenere la sua candidatura a leader della coalizione. La Fondazione è presente in tutta Italia tramite una rete di Fari, ossia comitati provinciali che consentono ai cittadini di partecipare attivamente, attraverso la propria adesione, al progetto di cambiamento.

A maggio 2014 Tosi viene candidato dalla Lega Nord alle elezioni Europee nella Circoscrizione Italia Nord-Orientale. Con quasi 100 mila preferenze è il politico più votato a Verona e provincia, e il secondo più votato in Veneto. Fin dall’inizio della campagna elettorale Tosi annuncia che si sarebbe trattato di una candidatura di servizio, e dunque, coerentemente rinuncia al seggio per continuare l’attività di Sindaco. Il Consiglio Federale leghista, in vista delle elezioni regionali del Veneto del 31 maggio 2015, tenta di imporsi sulla formazione delle liste, nominando Giampaolo Dozzo “commissario ad acta della Liga Veneta”. La decisione, in palese violazione dell’articolo 39 dello Statuto, viene rifiutata dal Consiglio della Liga Veneta. Contrario a ogni trattativa sul tema, il 10 marzo il Segretario Federale Matteo Salvini decide di cacciare Flavio Tosi dal partito.
Ricevuta la notifica, che cancella 25 anni di storia non solo politica ma anche personale, il 14 marzo, dalla Fiera di Verona, Flavio Tosi lancia la propria candidatura a Governatore della Regione Veneto.

In due mesi ottiene quasi il 12% delle preferenze, pari ad oltre 260 mila voti. Il 21 luglio, in un’affollatissima sala stampa di Montecitorio, Tosi ufficializza la nascita di Fare! assieme ai parlamentari fuoriusciti dal Carroccio per aderire al suo nuovo soggetto politico. 

Segui Flavio Tosi sui social:

CONDIVIDI IL CONTENUTO